Comunicazione e autostima: valorizza la tua unicità

Comunicazione e autostima sono due parole profondamente legate tra loro. Elaborare una strategia di comunicazione efficace, infatti, richiede autenticità e sappiamo bene quanto sia difficile essere originali in un mondo ormai omologato, pieno di modelli da seguire. Il risultato è un carosello di azioni copia/incolla, di messaggi standard, che non offrono alcuna emozione. Un vero peccato, no?

Avere fiducia in se stessi e comunicare la propria unicità

Questa settimana, sulla pagina Facebook CreativaSolidale, abbiamo parlato di autostima. Si tratta dell’itinerario n.1, all’interno di un più ampio percorso dedicato al tema chiave del mese: la fiducia. L’aspetto su cui riflettere, appunto, è l’importanza di credere in se stessi e valorizzare ciò che ci rende unici. Pensi di essere trasparente e non avere nulla di particolare da raccontare? Non è così.

Te lo dice una persona che l’ha pensato spesso, sai? Quindi puoi fidarti, se scrivo ciò è perché ho capito quanto sia sbagliato sottovalutarsi. Quelli che percepiamo come difetti, infatti, possono diventare le nostre migliori caratteristiche. Per individuarle e lasciare che diventino il nostro “marchio di fabbrica”, di cui essere orgogliosi, è molto importante liberare la mente da schemi e preconcetti.

Siamo circondati da persone brillanti, bellissime e di successo, online e offline. Sentirsi inadeguati è un sentimento comune, ti assicuro. Però dobbiamo iniziare a guardare oltre: intanto perché non è tutto oro quello che luccica e poi perché sono convinta che non esista la perfezione. Anzi, ti dirò di più: proprio tu, che pensi di essere uno/a fra tanti, potresti attirare una sana invidia, esattamente per quelle peculiarità che ti rendono unico/a e che, senza quasi rendertene conto, rinneghi di continuo.

Essere originali e veri. Ed esserne fieri!

Ho tanti difetti, ma anche delle qualità. Sono consapevole di avere ancora molto da imparare, ma ho alle spalle una bella gavetta ed esperienze di vita che mi hanno formata e mi hanno reso la persona che sono oggi. Questo vale per me e anche per te, specie se il sentiero è stato pieno di ostacoli.

Non lasciarti condizionare da chi ha una “fantastica soluzione” per ogni cosa, da chi pensa di avere sempre ragione e, soprattutto, da chi offre consigli e metodi senza aver sperimentato in prima persona. Migliorare si può e si deve, ma non è detto che ciò che sia proficuo per A, sia ugualmente vantaggioso anche per B. Rispetta te stesso/a, la tua personalità, il tuo stile. Trova la tua strada.

Questi pensieri sono applicabili, ovviamente, in ogni campo. Quando si parla di autostima si apre un mondo: c’è chi vorrebbe essere più bello/a e magro/a, chi vorrebbe superare la timidezza, chi vincere il premio “madre/padre dell’anno” e così via. Essere fieri di se stessi significa seguire le proprie inclinazioni e smettere di voler acquisire abilità che non ci appartengono.